Per poter visualizzare tutti i contenuti è necessario avere la versione attuale di Adobe Flash Player.

Home Page Squadre Risultati e Classifiche Guest Book Calendario ASTE ALBO D'ORO LINKS CHI SIAMO Regolamento 

Regolamento

REGOLAMENTOCAPITOLO PRIMOREGOLA 1: OGGETTO DEL GIOCO1. Oggetto del gioco è una simulazione del gioco del calcio attraverso la formazione di fantasquadre, formate dai veri calciatori delle squadre del campionato italiano di calcio di Serie A che si affrontano tra loro, nel rispetto del presente regolamento. REGOLA 2: MODALITÀ DEL GIOCO1. Il gioco è basato sulle reali prestazioni dei calciatori del campionato italiano di Serie A. 2. Il gioco si articola nelle seguenti fasi: a. Formare una società di calcio, acquistando tramite un’asta 25 calciatori scelti tra i veri calciatori delle squadre del campionato italiano di Serie A. b. Mandare in campo, partita dopo partita, una formazione di 11 calciatori, scelti tra i 25 della ‘rosa’, per disputare le partite previste dal Calendario di Lega, secondo le modalità descritte nelle Regole. CAPITOLO SECONDOREGOLA 3: LA LEGA 1. La lega FantaCondove è costituita da dieci squadre 2. Ciascuna Lega è governata dall’Assemblea di Lega, formata da tutti gli allenatori. 3. I compiti dell'Assemblea di Lega sono: a. Coordinamento delle operazioni dell’Asta iniziale; b. Registrazione delle operazioni di Mercato Libero; c. Registrazione dei trasferimenti nati da trattative tra squadre; d. Composizione del calendario; e. Registrazione settimanale delle formazioni; f. Calcolo dei risultati finali delle partite; g. Composizione delle classifiche. Il ruolo del Presidente di Lega può anche essere coperto da più persone che si divideranno i compiti. CAPITOLO TERZOa. Ciascun partecipante dispone per l’Asta iniziale di un credito di 500 miliardi, che dovrà spendere per acquistare i calciatori. b. In nessun caso, nell’arco di una stagione, una squadra potrà spendere più del credito assegnato per le operazioni di acquisto dei calciatori. Può invece spendere di meno. REGOLA 5: LA ROSA1. La rosa di ciascuna squadra deve essere composta da 25 calciatori, scelti tra quelli appartenenti alle squadre del campionato italiano di Serie A. 2. La rosa deve obbligatoriamente essere composta, in numero e ruoli, dai seguenti calciatori: 3 Portieri 8 Difensori 8 Centrocampisti 6 Attaccanti REGOLA 6: L’ASTA INIZIALE1. Preliminari a. Alle operazioni d’Asta devono essere presenti tutti gli allenatori della Lega. b. In caso di indisponibilità di un allenatore, questi può nominare un rappresentante in sua vece. c. Se un allenatore non potrà essere presente, né potrà mandare un rappresentante, dovrà operare le sue scelte solamente tra i calciatori rimasti dopo gli acquisti effettuati dagli allenatori delle altre squadre. d. E’ compito dell'Assemblea di Lega stabilire la data dell’Asta iniziale, previa consultazione tra tutti gli allenatori, così da trovare un giorno che vada bene a tutti. 2. Svolgimento dell’Asta L’Asta iniziale, cioè le operazioni di tesseramento dei calciatori, è regolato dalle seguenti disposizioni: a. Prima dell’inizio dell’Asta si stabilisce una pubblicazione di riferimento che elenchi i ruoli dei vari calciatori e allo stesso tempo faccia testo in caso di contestazione. Si elegge poi un battitore d’asta (possibilmente l'esperto Matteo Grosso), che può essere anche un esterno che non partecipa al torneo.b. Ciascuna squadra deve acquistare 25 calciatori a un costo totale non superiore ai 500 miliardi a disposizione. Una squadra non è obbligata a spendere tutti i miliardi a sua disposizione. c. I giocatori vengono battuti in ordine alfabetico secondo il loro ruolo leggendo l’elenco ufficiale della pubblicazione. Quindi verranno chiamati in ordine temporale i portieri, i difensori, i centrocampisti, gli attaccanti.d. L’offerta d’asta è libera, ma non dovrà mai essere inferiore a 1 miliardo, che è l’offerta minima consentita. e. Le offerte successive dovranno incrementare quantomeno l’offerta minima consentita. L’asta per ciascun calciatore proseguirà finché non resterà un solo offerente, il quale acquisterà quel calciatore per la cifra offerta. f. Tale procedura viene ripetuta ruolo per ruolo finché tutti gli allenatori non hanno una rosa di 25 calciatori. g. Un calciatore tesserato da un allenatore è vincolato alla squadra che lo ha acquistato e viene ritirato dal mercato, cioè non può essere acquistato da nessun altro allenatore. h. Nessun allenatore può partecipare all’asta per un calciatore che non può permettersi di acquistare. Ad esempio, essendo l’offerta minima equivalente a 1 miliardo, un allenatore che disponesse di soli 3 miliardi e avesse ancora due calciatori da acquistare, non può offrire più di 2 miliardi per un calciatore. i. Nessun allenatore può partecipare all’asta per un calciatore di un ruolo già coperto in tutti gli effettivi. Ad esempio, se una squadra ha già acquistato 6 attaccanti, l’allenatore di tale squadra non può nominare né partecipare all’asta per un attaccante. l. Al termine dell'assegnazione dei giocatori di ogni ruolo ciascun allenatore è libero di fare dei cambi volanti tra i giocatori rimasti liberi con quelli appena acquistati senza alcun vincolo fermo restando che il valore del giocatore ceduto in questa fase vale 1 miliardo indipendentemente dal costo di acquisto del suo cartellino.REGOLA 7: MERCATO1. Norme Generali Le squadre potranno aggiustare in corsa le proprie rose tramite gli scambi liberi con altre squadre per tutto l’arco della stagione in qualsiasi momento. a. Per acquistare i calciatori al fantamercato di recupero si utilizzano i crediti rimasti al termine dell’Asta. b. E’ possibile acquistare soltanto calciatori ‘liberi da contratto’, cioè calciatori non tesserati da altre squadre della Lega con un limite massimo di dieci acquisti stagionali.c. Quando al fantamercato di recupero si acquista un giocatore occorre cedere un altro della propria rosa nel ruolo corrispettivo (esempio si acquista un nuovo difensore con la contestuale cessione di uno dei difensori già presenti nella rosa). d. Un calciatore svincolato, cioè tagliato dalla rosa di una squadra per far posto a un nuovo acquisto, diventa ‘libero da contratto’ e può quindi essere acquistato da qualunque altra società. e. I calciatori acquistati al fantamercato possono essere schierati in squadra a partire dalla prima giornata di campionato disponibile. CAPITOLO QUARTOREGOLA 8: LA GARA1. La gara viene disputata tra due squadre di 11 calciatori, scelti dall’allenatore tra i 25 appartenenti alla rosa. 2. La squadra che avrà segnato il maggior numero di reti vincerà la gara. Se non sarà segnata alcuna rete o se le squadre avranno segnato eguale numero di reti, la gara risulterà conclusa in parità. 3. Il numero di reti segnate da ciascuna squadra, cioè il Risultato Finale, viene calcolato, per mezzo della Tabella di Conversione, confrontando i Totali-Squadra di ciascuna squadra (vedi Regola 13, punti 6, 7 e 8). REGOLA 9: LA FORMAZIONE1. Schema di gioco a.Ciascuna squadra dovrà schierare i suoi 11 calciatori in base alle seguenti disposizioni: (I) La formazione dovrà essere composta da un minimo di 3 difensori, un minimo di 3 centrocampisti e con un numero d’attaccanti da un minimo di 1 a un massimo di 3.(II) In base alle disposizioni di cui alla lettera precedente, le formazioni possono essere schierate nei seguenti moduli: 3-4-3; 3-5-2; 3-6-1; 4-3-3; 5-3-2; 6-3-1; 4-4-2; 5-4-1; 4-5-1 b. Non vi è alcun limite al numero di calciatori stranieri che una squadra può schierare, sia in campo che in panchina. 2. Comunicazione della formazione a.Entro l’orario d’inizio del primo incontro della giornata di Serie A (normalmente il sabato pomeriggio) , gli allenatori hanno l’obbligo di comunicare la formazione all’allenatore della squadra avversaria in quel turno, e per conoscenza al Presidente di Lega. Si raccomanda possibilmente d’inviare la formazione tramite mail, cellulare o tramite il sito in maniera che sia visibile a tutti gli altri partecipantib. Una volta comunicata la formazione possibile modiificarla entro l’inizio delle partite. 3 Mancata comunicazione della formazione a. Nel caso che un allenatore non comunichi la formazione entro la scadenza stabilita, si utilizzerà la formazione della settimana precedente.. 4. Errori nella comunicazione della formazione a. Alla consegna delle formazioni, e comunque prima dell’inizio delle partite, il Presidente deve controllare, come farebbe un arbitro prima della partita, i ‘cartellini’. Deve cioé verificare che ciascun calciatore in formazione appartenga effettivamente alla rosa di quella squadra e che le formazioni siano schierate secondo i moduli stabiliti al punto 1, lettera a, paragrafo (II) di questa stessa Regola, e in generale secondo le disposizioni delle Regole del Gioco. (I) Se un fantallenatore schiera due volte in formazione lo stesso giocatore, questo sarà considerato una volta sola e al posto dei titolari mancanti subentreranno le riserve del reparto, secondo l’ordine di priorità. (II) Se lo stesso giocatore compare in formazione sia tra i titolari che tra le riserve, questi verrà considerato titolare ed escluso dalla panchina. REGOLA 10: RISERVE E SOSTITUZIONI1. E’ consentita l’utilizzazione di calciatori di riserva, a condizione che siano rispettate le seguenti disposizioni: a. Ogni squadra, tra i giocatori a disposizione della rosa, può schierare: 1 Portiere 2 Difensori 2 Centrocampisti 2 Attaccanti b. I calciatori di riserva dello stesso ruolo vengono indicati in ordine di sostituzione. (I) Le riserve sostituiranno i ‘calciatori assenti’ o senza voto (s.v.) o non giudicabili (n.g.) - naturalmente escluso il portiere che ha giocato almeno 30 minuti recuperi esclusi - del loro ruolo nell’ordine in cui sono stati indicati nella lista delle riserve in calce alla formazione. Facciamo un esempio: se uno dei difensori titolari non gioca, entrerà a sostituirlo il primo difensore di riserva indicato nella lista. Il secondo difensore di riserva potrà entrare nel caso in cui risulti assente un secondo difensore titolare, oppure nel caso in cui non giochi (o non abbia preso voto) il primo difensore di riserva. c. I calciatori di riserva possono sostituire soltanto calciatori che non siano scesi in campo nella realtà o che siano stati giudicati s.v. o n.g. (escluso il portiere). d. I calciatori di riserva possono sostituire soltanto calciatori del loro stesso ruolo o reparto. (I) Per stesso ruolo o reparto si intende che il portiere di riserva sostituirà il portiere titolare, un difensore di riserva sostituirà un difensore, un centrocampista di riserva sostituirà un centrocampista, un attaccante di riserva sostituirà un attaccante. e. I calciatori di riserva non possono sostituire in nessun caso calciatori espulsi. f. I calciatori di riserva possono sostituire calciatori squalificati nella realtà e comunque schierati dal fantallenatore. REGOLA 11: QUOTIDIANO UFFICIALE1. Prima dell’inizio del campionato, l’Assemblea Generale deve scegliere un quotidiano, che servirà come riferimento ufficiale nel corso del Campionato. Il nostro quotidiano ufficiale sarà la Gazzetta dello Sport. 2. I tabellini e le pagelle delle partite - ovvero marcatori, ammonizioni ed espulsioni - pubblicati dal Quotidiano Ufficiale costituiscono i dati ufficiali per la determinazione, cioè il calcolo, dell’esito di ciascuna gara. 3. Il Quotidiano Ufficiale è l’unico ed insindacabile riferimento ufficiale della Lega. REGOLA 12: MODALITA’ DI CALCOLO1. L'esito, cioè il Risultato Finale della gara, viene calcolato secondo le modalità qui descritte.Le modalità o procedura di calcolo per determinare il Risultato Finale della gara è divisa in tre fasi distinte: (1) Calcolo del Totale-Calciatore per ciascun calciatore.(2) Calcolo del Totale-Squadra per ciascuna squadra.(3) Confronto dei Totali-Squadra.2. Calcolo del Totale-Calciatore Il punteggio che ottiene ogni calciatore è pari al voto in pagella che gli viene assegnato dall'inviato de La Gazzetta dello Sport. A questo punteggio possono sommarsi dei bonus e sottrarsi dei malus: + 3 punti per ogni goal realizzato;+ 3 punti per ogni rigore parato (si applica anche al giocatore che eventualmente subentra al portiere in partita in corso)+1 punti per ogni assist- 2 punti per ogni autogoal;- 3 punti per ogni rigore sbagliato;- 1 punto per ciascun goal subito (si applica anche al giocatore che eventualmente subentra al portiere in partita in corso )- 0,5 punti per un'ammonizione;- 1 punto per un'espulsione;Nota ufficialeNel caso un calciatore venga prima ammonito e poi espulso mediante esibizione del cartellino rosso, l'ammonizione non verrà calcolata e gli verrà sottratto comunque un solo Punto cartellino (-1). Casi Particolari Qui di seguito sono riportati quei casi particolari che possono insorgere durante una campionato di Fantacalcio.2.1 Portiere senza votoNel caso che un portiere che ha regolarmente giocato venga giudicato s.v. o n.g., gli verrà assegnato d'ufficio un voto equivalente a 6. Al voto andranno ovviamente aggiunti o sottratti tutti i punti goal o punti cartellino relativi al giocatore in questione. Tale regola vale soltanto ed esclusivamente per il portiere. 2.2 Calciatore senza votoNel caso un calciatore che non sia il portiere venga giudicato s.v. o n.g, verrà considerato assente e dovrà essere sostituito dal primo calciatore dello stesso ruolo indicato tra quelli in panchina 2.3 Rigore sbagliatoNel caso di rigore parato dal portiere, il rigore si considera sbagliato, anche se il calciatore che lo ha battuto ha ripreso la respinta e segnato. Al calciatore verranno assegnati meno tre (-3) punti per aver sbagliato il rigore e più tre (+3) punti per aver segnato. Quindi, al suddetto calciatore non verrà assegnato alcun Punto-gol per questa azione e, a meno che non intervengano altri Punti-azione nel corso della partita, il suo Totale-Calciatore sarà equivalente al suo voto. Ovviamente, se la respinta viene presa da un compagno che ribatte la palla in rete. Il calciatore che ha tirato il rigore verrà semplicemente penalizzato di tre (-3) Punti-goal. 2.4 Espulso senza votoNel caso un calciatore venga espulso prima di poter essere giudicato dai Q.U., cioè termini la gara senza voto, verrà comunque considerato giocatore titolare e gli verrà assegnato d'ufficio un 5 come voto, al quale si dovrà ovviamente sottrarre un punto (-1) per l'espulsione.Nota ufficialeQuesta regola vale solo per i calciatori che sono effettivamente scesi in campo. Non deve invece essere applicata se il calciatore, pur essendo sceso in campo, viene espulso a fine partita, magari per un insulto all'arbitro o per una rissa nel sottopassaggio (vale, invece, se viene espulso durante l'intervallo lasciando la squadra in dieci per tutto il secondo tempo). Inoltre, non deve essere applicata se il calciatore espulso è uno dei panchinari.2.5 Marcatore senza votoNel caso un calciatore segni un goal ma non venga giudicato, gli verrà assegnato d'ufficio un 6 come voto, al quale si dovrà aggiungere +3 per la marcatura.2.6 Autogoal senza votoNel caso un calciatore sia responsabile di un autogoal ma non venga giudicato dai Q.U., gli verrà assegnato d'ufficio un 6 come voto, al quale si dovranno sottrarre 2 punti per l'autogoal.2.7 Correzioni e rettificheNel caso che la Gazzetta rettifichi in una successiva edizione un voto assegnato a un calciatore, l'allenatore penalizzato potrà proporre reclamo al Presidente di Lega, portando a prova della sua tesi la copia della Gazzetta contenente la rettifica. Se il Presidente di Lega verificherà la fondatezza del reclamo, dovrà annullare il Risultato Finale della partita e ordinerà che venga ricalcolato in base alla sopravvenute modifiche.2.8 Rigore calciato senza votoNel caso un giocatore calci un rigore (indipendentemente che lo realizzi o lo sbagli), ma non venga giudicato, gli verrà assegnato d'ufficio un 6 come Voto, al quale si dovranno ovviamente aggiungere o togliere 3 punti, a seconda dell'esito del rigore.3. Calcolo del Totale-SquadraIl Totale-Squadra di ciascuna formazione è dato dalla somma algebrica dei singoli Totale-Calciatore degli undici calciatori che hanno preso parte alla gara.4. Confronto dei Totali-Squadra Per determinare il Risultato Finale della gara vengono confrontati i Totali-Squadra delle due squadre in base alla Tabella di Conversione. 4.1 Tabella di Conversione La Tabella di Conversione trasforma ciascun Totale-Squadra in un certo numero di goal, così da ottenere un “reale” risultato calcistico. Semplicemente si assegna un certo numero di goal a ciascuna squadra, a seconda del Totale-Squadra ottenuto da ciascuna formazione, in base alla tabella sottostante: fino a 65,5 punti = 0 gol; da 66 a 71,5 punti = 1 gol;da 72 a 77,5 punti = 2 gol;da 78 a 83,5 punti = 3 gol;da 84 a 89, 5 punti = 4 gol;da 90 a 95,5 punti = 5 gol;da 96 a 101,5 punti = 6 gol;e così via …REGOLA 13: PARTITE SOSPESE, POSTICIPATE E NON OMOLOGATENel caso di partite rinviate o giocate con un anticipo o posticipo straordinario, superiore alle 48 ore rispetto al turno in calendario, tutti i calciatori in forza alle squadre coinvolte, squalificati esclusi, riceveranno 6 punti d'ufficio. In caso di partita sospesa valgono i dati pubblicati sulle pagine de La Gazzetta dello Sport, come previsto da "dati validi per il calcolo dei punteggi"; qualora non venissero pubblicati dei dati sulle pagine de La Gazzetta dello Sport, tutti i calciatori in forza alle squadre coinvolte, squalificati esclusi, riceveranno 6 punti d'ufficio. REGOLA 14: LA CLASSIFICA , MONTEPREMI E PREMIA - Il campionato durerà 35 giornate. B - La classifica è stabilita per punteggio, con assegnazione di tre punti per la gara vinta, un punto per la gara pareggiata e zero punti per la gara perduta. C - La classifica deve essere aggiornata settimanalmente e deve essere resa nota sul sito entro la scadenza stabilita dall'Assemblea Generale, preferibilmente entro le 24 ore del giorno successivo a quello dell’uscita dei voti ufficiali. D - In caso di parità di punti alla fine della stagione vincerà la squadra che ha totalizzato la maggior somma-punteggio nel campionato. E - La quota d'iscrizione è di 100,00 euro a testa. Il montepremi complessivo ammonta ad € 1000,00, e sarà così suddiviso: 500,00 € al primo classificato 250,00 € al secondo 150,00 € al terzo100,00 € al quarto



Dal 2001